• English Italian
Marina di Procida

Marina di Procida

Da pochi giorni Procida è stata eletta la Capitale italiana della Cultura 2022. 10 le finaliste sulle 28 candidate, ma la vittoria è, per la prima volta, per un’isola e per il mare.

Marina di Procida

Il contesto dei sostegni locali e regionali pubblici e privati è ben strutturato – così la giuria ha motivato la sua scelta – La dimensione patrimoniale e paesaggistica del luogo è straordinaria. La dimensione laboratoriale che comprende aspetti sociali di diffusione tecnologica è importante per tutte le isole tirreniche, ma è rilevante per tutte le realtà delle piccole isole mediterranee. Il progetto potrebbe determinare, grazie alla combinazione di questi fattori, un’autentica discontinuità nel territorio e rappresentare un modello per i processi sostenibili di sviluppo a base culturale delle realtà isolane e costiere del Paese. Il progetto è inoltre capace di trasmettere un messaggio poetico, una visione della cultura che dalla piccola realtà dell’isola si estende come un augurio per tutti noi, al Paese nei mesi che ci attendono“.

“La Cultura non isola”

Questo è il claim del dossier presentato da Procida che ha spiegato di essersi candidata perché “la terra isolana è luogo di esplorazione, sperimentazione e conoscenza, è modello delle culture e metafora dell’uomo contemporaneo. Potenza di immaginario e concretezza di visione ci mostrano Procida come capitale esemplare di dinamiche relazionali, di pratiche di inclusione nonché di cura dei beni culturali e naturali“.

Procida, perla del Golfo di Napoli, sarà sotto i riflettori del turismo per un intero anno e avrà un milione di euro per realizzare quanto promesso.

Viva Procida che ci accompagnerà nell’anno della ripartenza. Oggi è un segnale per guardare al futuro. È un anno complicato per tutti, stiamo cercando di sostenere in ogni modo le attività culturali e turistiche e la designazione oggi della capitale italiana della cultura per il 2022 è un segnale per il futuro, per la ripresa” conferma il Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini.

Siamo onorati, grazie per questa opportunità storica che senz’altro coglieremo lavorando sodo per rendere orgogliosa l’Italia di questa bella scelta” ha commentato il sindaco di Procida Dino Ambrosino, subito dopo la proclamazione. “Questa enorme gioia rappresenta il sentimento di tanti borghi dell’Italia minore. Penso che Procida possa essere considerata una metafora di tanti luoghi, di tante amministrazioni, di tante comunità che hanno riscoperto l’entusiasmo e l’orgoglio per il loro territorio e che, con questo titolo, vogliono costruire un riscatto importante per le loro terre. Siamo onorati e facciamo complimenti a tutte le altre città di cui pure abbiamo visto i dossier e abbiamo studiato le loro proposte culturali. La cultura, per noi e per loro, può essere uno straordinario detonatore del piano strategico di rilancio“.

L’isola

L’isola di Procida, con una superficie di 4 chilometri quadrati, ha un fascino che ha ispirato Elsa Morante nel suo capolavoro letterario “L’isola di Arturo” e con i suoi borghi marinareschi è stata lo sfondo di numerosi film come “Il postino” di Troisi.

Procida è la più piccola delle isole del Tirreno, dopo Ischia e Capri, e si caratterizza per nove antiche contrade che ospitano abitazioni dalle facciate coloratissime, come il tipico borgo di pescatori di Marina Corricella che ha un anfiteatro di case tinteggiate di colori pastello.

Con i suoi 10.000 abitanti, l’isola ha una costa frastagliata, ricca di baie con promontori che offrono riparo alle imbarcazioni. Le spiagge sabbiose si alternano a zone a picco sul mare. Il litorale è tutelato dall’area marina protetta Regno di Nettuno, ente istituito con decreto del Ministero dell’ambiente il 27 dicembre 2007.

Marina di Procida

Marina di Procida

Ad ovest di Procida e collegato a quest’ultima tramite un ponte, guardando verso Ischia, si erge l’isolotto disabitato di Vivara, completamente ricoperto di macchia mediterranea.

Con uno specchio d’acqua di 66.000 mq, il Marina di Procida è gestito dalla società Mare2 Spa (Gruppo Marinedi) e dal Comune di Procida.

Il porto consente l’attracco di 491 posti barca per imbarcazioni di oltre 40 metri di lunghezza. Il diportista può trovare in questa marina un ormeggio dotato di ogni comodità, con un’assistenza continua e professionale, in una località affascinante, facilmente raggiungibile dalla terraferma grazie ai numerosi collegamenti via aliscafo e traghetto da Napoli oppure dalle isole e dalle località balneari limitrofe.

Servizi: elettricità, acqua potabile, docce e toilettes, carburante, sommozzatori, raccolta rifiuti, sorveglianza h24, meteo, agenzia nautica (dogana), bar, ristorante, officina nautica e scalo di alaggio.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARINA DI PROCIDA

Profondità massima: 3,50 m
Canale VHF: 6
Coordinate: Lat. 40° 46’, 90″ N
Long. 14° 1’, 1″ E
Venti dominanti: Maestrale e Ponente
Traversia: Maestrale/Grecale
Fari e fanali:
2364.2 – fanale a luce fissa verde, 2 vert., sul molo a dritta entrando
2364.3 – fanale a luce fissa rossa, 2 vert., sul molo di Levante, entrando a sinistra
Fondo Marino: sabbioso

Principali rotte nautiche

ISCHIA 5 miglia nautiche
NAPOLI 12 miglia nautiche
CAPRI 16 miglia nautiche | Rotta N 142°
SORRENTO 17 miglia nautiche
VENTOTENE 26 miglia nautiche
AMALFI 30 miglia nautiche | Rotta N 230°
POSITANO 30 miglia
PONZA 48 miglia | 280° Rotta
ISOLE EOLIE 128 miglia | 154° Rotta
PORTO CERVO 207 miglia
CORSICA (PORTO VECCHIO) 217 miglia

MARINA DI PROCIDA S.P.A.

Tel. +39 081 8969668
www.marinadi-procida.com

Articoli Correlati

Chi siamo

Mondo Barca Market è il punto di riferimento del diportista. Online ed in edicola in tutta Italia con le migliori occasioni del mercato e con le ultime news del mondo della nautica.


Indirizzo: Via dei Lecci, 26, 00062 Bracciano (RM)
Tel/Fax: +39 06 99806045
Email: info@mondobarcamarket.it

Newsletter

Accetto la privacy