Il ripristino dei tubolari

L’estate si avvicina, è ora di tirar fuori i nostri gioielli gommati dopo il lungo e freddo riposo invernale. La stragrande maggioranza dei gommoni, soprattutto quelli di dimensioni inferiori, è lasciato sotto un telone plastico per proteggerlo dalla pioggia. Spesso purtroppo questa protezione è solo parziale, perché polvere, animali e umidità riescono a passare al di sotto di questo strato. A questo si aggiungono i classici lavori di rimessaggio ed eventuali modifiche fatte al mezzo. Il risultato finale sono dei tubolari impolverati e sporchi che abbassano notevolmente il valore del gommone.

– Risciacquo
Tramite un tubo dell’acqua con pistola (non sprechiamo acqua quando non ne abbiamo bisogno) iniziamo a risciacquare abbondantemente la gomma. Questo è per due motivi: il primo perché così riusciamo a rimuovere tutta la polvere e lo sporco che è semplicemente appoggiato sulla superficie, il secondo motivo è che in questo modo raffreddiamo il tubolare dal caldo di questo periodo e lo prepariamo all’utilizzo dei detergenti.

– Applicazione detergenti
Passiamo alla fase clou, procedendo per piccole aree. Evitate assolutamente di spruzzare il prodotto su tutto il tubolare e poi tornare indietro a strofinare, il detergente si asciugherà e macchierà indelebilmente la gomma con colature fastidiose. Una volta applicato il sapone aspettiamo qualche secondo che agisca (evitate di lavorare in pieno sole) andiamo a strofinare per rimuovere lo sporco con una spugna che non sia abrasiva per non graffiare e danneggiare il supporto trattato. Risciacquate e valutate in base al risultato se c’è bisogno di una seconda applicazione di detergente. È meglio applicare due volte il sapone che lasciar agire il prodotto per più tempo. NB: evitate di usare prodotti casalinghi, non sono studiati per le superfici in gomma. Il rischio di corrodere e di lasciare chiazze antiestetiche è molto alto.

– Il terzo è un punto di snodo a seconda delle condizioni del tubolare. Se non presenta muffa allora potete passare al quarto step, altrimenti passiamo all’applicazione del detergente rimuovi muffa. La muffa va rimossa solo dopo la pulizia in modo che il prodotto possa agire direttamente sulle colonie fungine senza interferenze di altro sporco. Contrariamente alle modalità d’uso degli altri detergenti, l’antimuffa ha un effetto maggiore in presenza di raggi UV solari ma non con temperature eccessive. Anche in questo caso si procede per piccole aree. I rimuovi muffa per tubolari si trovano facilmente sul mercato, e generalmente le modalità di applicazione sono le stesse: si spruzza il prodotto o si passa con una spugna sulla superficie e si lascia agire per qualche minuto. Se la muffa non è stata rimossa del tutto è consigliata una seconda applicazione. Tra una mano e l’altra risciacquate abbondantemente per evitare che ci siano residui che possano danneggiare la gomma a lungo andare. Fate una piccola prova su un’area nascosta prima di procedere su tutto il gommone.

– Adesso che il nostro gommone è stato ripristinato e tutti i detergenti sono stati rimossi dal risciacquo prolungato possiamo procedere alla protezione. Scegliete una cera che sia liquida o in crema piuttosto che quelle in bombolette spray. Stendete la cera con un panno in microfibra che non rilasci peli o fili di tessuto procedendo sempre a piccole aree. Assicuratevi che la cera sia stesa per bene in maniera omogenea e che sia assorbita dal tubolare. In questo modo darete al vostro gommone una nuova elasticità e resistenza alle intemperie prolungate nel tempo, evitando anche che lo sporco possa essere assorbito dal tessuto durante le giornate estive. Ripristinare il gommone non è complesso se sai come fare.

Se hai dubbi o vuoi un semplice consiglio invia una foto delle condizioni dei tubolari all’indirizzo info@mondobarcamarket.it.

Il ripristino degli interni

L’estate si avvicina, il varo anche. Per questo motivo molti di voi incrementano l’intensità di lavoro sul proprio mezzo per accelerare la conclusione dei progetti. Purtroppo la troppa fretta è cattiva consigliera, e spesso non si fa caso a richiudere per bene la cabina della propria barca. Questo può essere un errore, poiché la contemporanea presenza di lavori sulle barche che sono presenti nei dintorni porteranno sporco all’interno della vostra. Non solo, anche la pioggia può dire la sua causando un peggioramento dell’arredamento e di ciò che è presente in cabina. Questo mese, quindi, ci interessiamo del ripristino degli interni.Leggi di piú …

Tutorial: il ripristino del teak

Ci troviamo di fronte ai mesi più affollati sotto il punto di vista cantieristico. Persone che vanno e che vengono, tagliandi, lavori da ultimare e scadenze da rispettare. Tutto perfetto, se non fosse che spesso i nostri rivestimenti sono rovinati dal passaggio dei vari operatori di turno. Per questo motivo nella rubrica ci interessiamo al ripristino delle coperte in teak. Per rendere tutto più semplice procediamo per step.Leggi di piú …

Il mondo dei materiali compositi in esposizione: JEC 2018

Anche quest’anno si è tenuta la fiera internazionale dei materiali compositi dal 6 all’8 marzo 2018 presso il centro fieristico Paris-Villepinte.
La Fiera in questione, a cui il sottoscritto partecipa con continuità sia in veste di speaker che di visitatore, espone e tratta lo stato dell’arte e tutte le novità del mondo industriale legato a questa particolare classe di materiali.Leggi di piú …

Richieste di consigli dai nostri lettori

Il nostro esperto Carlo Luongo risponde a un nostro lettore Luca, neofita del fai da te sulle imbarcazioni, che chiede consiglio dopo aver letto un articolo dove vengono descritti i modi corretti per pulire e poi lucidare le murate. Leggi di piú …

Tutorial della lucidatura

Sono già iniziati da tempo i preparativi per rendere la barca nuovamente splendente per goderne nel periodo estivo. Mentre le superfici più trascurate sono la coperta e la cabina, perché si possono ripristinare anche con barca in acqua, quella su cui la gran parte degli armatori non transige è la murata, che va controllata ogni anno per assicurarsi uno splendore costante.Leggi di piú …

L’osmosi delle imbarcazioni: cos’è, perché si forma e come si risolve

Alcuni armatori, in occasione dell’acquisto di un’imbarcazione usata (ovvero durante la sorveglianza della costruzione di una nuova) mi chiedono di verificare che la barca non presenterà osmosi“. Vorrei, come al solito, fare un po’ di chiarezza in merito.Leggi di piú …

Il timone in profilo

Le performance di una barca a motore sono affidate alla potenza dei propulsori e all’efficienza dell’elica (che sono frutto di calcoli e di esperienza). Ciò è vero finché, attratti dalla bellezza degli interni e dal look accattivante delle linee, ci si dimentica di prestare le dovute attenzioni all’opera viva. Leggi di piú …

La manutenzione della vetroresina

Con l’inizio del nuovo anno si rinnova la voglia di tornare a bordo. Riprende il conto alla rovescia per tirar fuori dalla copertura il nostro gioiello. Inevitabilmente però ci troveremo sporco e macchie dovute alla sosta, a cui si aggiungeranno altre durante i lavori e le sistemazioni in vista del varo. Per questo motivo questo mese ci occupiamo della manutenzione della vetroresina, utile non solo durante i lavori, ma anche per quando la nostra barca sarà in acqua.Leggi di piú …

Perché il gommone fa la muffa?

Qualsiasi proprietario di gommone o chi è intenzionato all’acquisto di un battello pneumatico deve fare i conti con un nemico che minaccia costantemente l’integrità, l’estetica e il valore del nostro mezzo: la muffa sul tubolare. Andiamo con ordine, cosa si intende per muffa?

Leggi di piú …

Chi siamo

Mondo Barca Market è il punto di riferimento del diportista. Online ed in edicola in tutta Italia con le migliori occasioni del mercato e con le ultime news del mondo della nautica.


Indirizzo: Via dei Lecci, 26, 00062 Bracciano (RM)
Tel/Fax: +39 06 99806045
Email: info@mondobarcamarket.it

Newsletter

Accetto la privacy