• English Italian
Confindustria-nautica

Porti e charter, Confindustria Nautica: «Il governo mette in crisi il turismo»

“Mentre parla di rilancio e riduzione delle tasse, il governo fa scelte incomprensibili, che porteranno all’inevitabile chiusura di centinaia di aziende nautiche e dell’indotto o al loro trasferimento all’estero. E prima ancora, a rimetterci sarà l’erario”. Così le associazioni di categoria condannano l’operato del governo. 

Il contenzioso sull’aumento retroattivo del canone demaniale

Confindustria Nautica, Federturismo Confindustria, Assomarinas, Assonat-Confcommercio (porti e approdi), Confarca (scuole nautiche agenzie) e Assilea (leasing) contestano duramente il parere negativo della Ragioneria generale relativo all’emendamento al Decreto Rilancio che avrebbe chiuso l’annoso contenzioso giudiziario tra 23 porti turistici del Paese e lo Stato.

All’origine di tale contenzioso, l’aumento retroattivo del canone demaniale, introdotto nel 2007 dal governo Prodi e da allora oggetto di numerose cause giudiziarie, protrattesi fino alla Corte Costituzionale: per 13 anni in tutti i gradi di giudizio, a vincere sono stati i porti. Eppure l’Agenzia delle Entrate continua a richiedere il pagamento dei canoni minacciando provvedimenti esecutivi, di blocco dei conti correnti e persino di revoca delle concessioni.

L’ultima sentenza in proposito è del TAR Sardegna, che ha nuovamente ribadito che detti aumenti non possono essere applicati retroattivamente ai rapporti allora in essere (sentenza n. 382 del 6 luglio 2020) e ha condannato la parte pubblica anche al pagamento delle spese di giudizio, in virtù della regola della soccombenza.

“Con un veto politico è stata invece cancellato un altro intervento nel Dl Rilancio che faceva chiarezza sull’applicazione della disposizione relativa ai cosiddetti Marina resort (porti o porzioni di essi attrezzati con specifiche dotazioni turistiche per i diportisti), voluta per rilanciare il turismo nautico e l’incoming di imbarcazioni dall’estero e che rimane, invece, di difficile interpretazione e applicazione” fa sapere Confindustria Nautica con un comunicato stampa emesso stamattina.

confindustria nautica charter

Confindustria Nautica contro il raddoppio dell’IVA sui noleggi

A seguito della procedura d’infrazione aperta nei confronti dell’Italia dalla Commissione Europea, una nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate detta, a partire dal 15 giugno, nuove regole per il calcolo dell’imponibile IVA sul noleggio e sulla locazione di unità da diporto.

Secondo Confindustria Nautica, questo provvedimento – adottato in conformità con quanto richiesto dalla Commissione UE – comporta, di fatto, un delta fino a più 11 punti percentuali di imposta rispetto agli altri Paesi concorrenti e “segue la cancellazione del 62% dei contratti a causa del COVID-19 e giunge mentre la Francia ha sospeso l’introduzione delle nuove regole – mantenendo un’aliquota al 10%, proprio per sostenere le aziende del charter – la Croazia applica l’IVA turistica – sempre al 10% – e la Grecia ha individuato un escamotage per sottrarvisi”.

I controlli in mare 

Infine, prosegue Confindustria Nautica, “si registra un’escalation della reiterazione dei controlli in mare, incomprensibile per i già pochi clienti presenti, effettuati con la motivazione di verifiche sanitarie che tuttavia appare quantomeno in controtendenza con il basso rischio delle attività nautiche rilevato dall’INAIL”.

Chi siamo

Mondo Barca Market è il punto di riferimento del diportista. Online ed in edicola in tutta Italia con le migliori occasioni del mercato e con le ultime news del mondo della nautica.


Indirizzo: Via dei Lecci, 26, 00062 Bracciano (RM)
Tel/Fax: +39 06 99806045
Email: info@mondobarcamarket.it

Newsletter

Accetto la privacy