• EnglishItalian

Progettazione e tecnologie dei materiali su imbarcazioni hi-tech

Le imbarcazioni moderne vengono realizzate nel 90% dei casi con una classe di materiali che “tecnicamente” viene definita “compositi” perché nasce, appunto, dalla “composizione” di due o più fasi, ossia: un rinforzo fibroso, una resina legante ed un eventuale materiale d’anima.Il vasto impiego di questa classe di materiali scaturisce dai numerosi vantaggi che essi esibiscono, come la durabilità nel tempo, la resistenza all’usura, la leggerezza specifica e non ultimo la “minima manutenzione” richiesta rispetto ad una bella barca in legno o ad una maestosa imbarcazione metallica. Talvolta, i non addetti ai lavori – quando si riferiscono ad una barca in composito – parlano semplicisticamente di vetroresina e quest’ultima effettivamente è uno dei materiali compositi possibili, costituita da fibre di vetro amalgamate con resine di natura vinilestere. Essa, tuttavia, seppur eccellente sotto il profilo del rapporto costi-benefici, non è che uno dei sottoinsiemi di questa grande categoria di materiali. Di fatto, anche la nautica – sebbene con maggiore fatica rispetto al settore automobilistico o aeronautico – nell’ultimo trentennio è cresciuta notevolmente sotto il profilo tecnico e tecnologico, evolvendosi verso l’adozione di materiali più nobili (come le fibre di carbonio e le resine epossidiche) e tecnologie di produzione più ricercate (come l’infusione, l’autoclave e l’RTM leggera).

A dire il vero, questa ricerca fino a non molti anni fa era ad esclusivo appannaggio di pochi cantieri che costruivano imbarcazioni a vela o anche a motore, ma comunque da competizione. Oggi, invece, anche la produzione diportistica (seppur limitatamente ad alcune parti dell’imbarcazione) fa ricorso sempre più frequentemente a tecnologie sotto-vuoto e a resine e fibre hi-tech. Un ulteriore sviluppo tecnologico per imbarcazioni è rappresentato dalla “Progettazione a Sandwich”. Questo tipo di progettazione, prevede un’anima di schiuma espansa (che può essere di PVC, di PET o anche di Balsa) all’interno di due “pelli” esterne che racchiudono l’anima a mo’ di panino (da cui la definizione di sandwich, per l’appunto!). La costruzione sandwich traduce nella nautica quello che era il concetto della trave a doppio T dell’edilizia, per intenderci, ed è un’ulteriore freccia nella faretra dei progettisti che mirano ad ottenere elevate resistenze e pesi specifici ridotti.


Nelle immagini si riportano le fasi di lavoro di uno dei numerosi test effettuati presso un cantiere navale per andare a determinare le caratteristiche di un “pezzo di fasciame” del fianco. In altre parole, si potrà vedere come è costituito un “pezzo” di un’imbarcazione hi-tech. Dalle immagini si potrà evincere che il campione ha misure ridotte, ma rispecchia fedelmente com’è un’ampia area di uno scafo come, ad esempio, l’intera opera morta. I materiali impiegati sono: fibra di carbonio, schiuma espansa di PVC e resina epossidica. La tecnologia impiegata per realizzare il campione è l’infusione di resina sotto-vuoto. La progettazione, per l’appunto, si basa sul concetto del sandwich composito. Allo sformo, il campione ha esibito una percentuale di rinforzi (carbonio + schiuma) pari al 55% in peso del laminato totale. La resina, di conseguenza, rappresentava il 45%. Si è ricavato, inoltre, sperimentalmente che ogni metro quadrato dell’imbarcazione (fedele nel progetto al campione testato) pesa soltanto 6 kg! Diversamente, con le tecnologie tradizionali di produzione (come la laminazione manuale) questo rapporto è invertito a favore della resina in modo tale che il laminato ottenuto sarà più pesante, ma al contempo più debole (anche a causa della presenza di inclusioni gassose che, invece, nelle tecnologie sotto vuoto sono praticamente assenti).
Ecco perché la combinazione di tecnologie sottovuoto e materiali nobili permette di avere imbarcazioni ad “alte prestazioni”.

Chi siamo

Mondo Barca Market è il punto di riferimento del diportista. Online ed in edicola in tutta Italia con le migliori occasioni del mercato e con le ultime news del mondo della nautica.


Indirizzo: Via dei Lecci, 26, 00062 Bracciano (RM)
Tel/Fax: +39 06 99806045
Email: info@mondobarcamarket.it

Newsletter

Accetto la privacy