• English Italian

Incendi a bordo: cosa fare per evitarli

Fortunatamente sono rari gli incendi a bordo durante la navigazione, stanno invece aumentando quelli in porto.
In questo articolo ci occuperemo dei primi, perché dei secondi si occupano i “Regolamenti dei porti/marina”, che contengono norme e divieti ben precisi, come per chi lascia il cavo elettrico attaccato alla colonnina del pontile e se ne va al ristorante o addirittura a casa, affidando la sicurezza, sua e dei suoi vicini di barca, alle protezioni elettriche installate sulle barche.
Sia il tema dei Regolamenti dei marina che quello delle protezioni elettriche delle barche con marchio CE sono sotto la nostra investigazione.
Perché gli incendi a bordo siano rari è presto detto: per creare l’incendio, la fiamma libera, ci devono essere 3 cose (comburente, combustibile, innesco), nello stesso posto, nello stesso istante e nelle giuste proporzioni!

Avete letto bene: 3 cose, nello stesso posto, nello stesso istante e non basta: anche nelle giuste proporzioni! Per far scoppiare un incendio dovete combinarla grossa. Allora perché ne scriviamo? Perché purtroppo può accadere.

Se l’incendio parte dai fornelli, o sempre più raramente dalla sigaretta, è perché l’incendio c’era già e vi è sfuggito di mano. La fiamma libera è già presente quando cuciniamo, ricordiamocelo sempre. Sulle barche più grandi, e soprattutto quelle a motore, si stanno diffondendo i piani cottura ad induzione e questa è una grande sicurezza ma, c’è un ma: sono generalmente alimentati a 220 Volt, con tutto quello che ne consegue.

Oltre al gas, la fonte principale degli incendi a bordo è proprio l’impianto elettrico 12V, 24V o 220V. Sarebbe troppo lungo analizzare vantaggi e limiti di tutti e tre, soprattutto rispetto alla possibilità che siano fonte di innesco per un incendio a bordo. Limitiamoci a sottolineare come, dall’analisi dei casi reali, emerga che le cause di incendi creati da impianto elettrico sono fondamentalmente due: scarso controllo o manutenzione (tutto in mare si usura molto più velocemente che a terra) e carenze nell’installazione, in particolare su quelle barche che, anche nel loro primo anno di vita, vedono nuovi apparecchi elettrici a bordo. Lavori fatti in fretta da mani non sempre esperte.

Il motore non è di per sé causa di incendio, piuttosto il vano motore è quello spesso coinvolto da un incendio, ma la causa è quasi sempre da attribuirsi alla parte elettrica del propulsore ed ultimamente, con il diffondersi del motore turbo anche sulle barche più piccole, la turbina può raggiungere elevate temperature ed essere fonte di innesco. Fortunatamente l’alimentazione a gasolio ha ridotto il rischio di incendio a bordo perché ha una scarsa propensione ad infiammarsi.

Altra zona a rischio è il quadro elettrico e il vano batterie.

Degli estintori si è già parlato approfonditamente in un precedente articolo (clicca qui per leggerlo), quindi volgiamo il nostro sguardo agli impianti fissi per i vani chiusi, motore e quadro elettrico: sui grandi yacht sono assolutamente di serie, ma c’è l’errata percezione che sulle imbarcazioni e i natanti da diporto non siano fattibili o addirittura non servano.

incendi a bordoL’impianto fisso, che sia ad attivazione manuale (una leva da tirare) o ad attivazione automatica, ha l’enorme vantaggio di essere già presente sul luogo dell’incendio e addirittura, se dotato di un sensore di temperatura, di non richiedere il vostro intervento e la vostra presenza: parte da solo.
Nei vani chiusi si tende ad usare sistemi a gas inerte, CO2 o azoto o altre miscele, che saturano l’ambiente perché non lasciano residui e, quindi, sia il motore che il quadro elettrico non risulteranno danneggiati da polvere o schiuma. Si stanno diffondendo gli impianti fissi ad attivazione automatica, facilmente installabili dall’utente, ad Aerosol contenenti sali di potassio che lasciano pochissimi residui.

Ma siccome prevenire è meglio che curare, non si può non parlare degli allarmi: allarme fumo e allarme gas. Mi piacerebbe che passasse la cultura degli allarmi perché prima dell’incendio (tre cose nello stesso posto, nello stesso istante e nelle giuste proporzioni uguale fiamma libera), c’è il principio d’incendio che viene preannunciato dall’odore di bruciato e dal fumo. Se si hanno gli allarmi si può intervenire in questa fase staccando l’impianto elettrico e il gas, due gesti fondamentali da fare sempre e subito, ancor prima di usare gli estintori.

Chi siamo

Mondo Barca Market è il punto di riferimento del diportista. Online ed in edicola in tutta Italia con le migliori occasioni del mercato e con le ultime news del mondo della nautica.


Indirizzo: Via dei Lecci, 26, 00062 Bracciano (RM)
Tel/Fax: +39 06 99806045
Email: info@mondobarcamarket.it

Newsletter

Accetto la privacy